Tag : struttura-massiccia

post image

Expo 2015 – Estonia

Uno dei padiglione che mi ha colpito maggiormente, girando per Expo 2015, è quello dell’Estonia.

Il padiglione estone sorprende i visitatori per un’ampia varietà di tematiche, rappresentando la Nazione come un paese moderno, ricco di fascino, storia e tradizione. L’edificio promuove allo stesso tempo sia le bellezze naturali del territorio sia la popolazione per la sua dinamicità e proiezione verso il futuro.

Il padiglione è facilmente comprensibile sul piano architettonico e costruttivo. La struttura è composta infatti da moduli in legno lamellare (la mia passione… non so se si è capito…) rivestiti in doghe dello stesso materiale, alternati ritmicamente da vuoti riconducibile a una scacchiera.

In questo edificio si evince l’utilizzo della modularità e della semplicità, infatti ogni modulo funge sia da struttura portante sia da nicchia espositiva dove si possono osservare le caratteristiche della nazione (natura, edilizia in legno, turismo, arti).

E’ interessante l’utilizzo di schermi a led, collocati all’interno dei vari moduli, che simulano finestre dalle quali lo spettatore può osservare paesaggi e città locali dell’Estonia: un modo alternativo per simulare la reale curiosità innata dell’uomo del osservare dalla finestra!

Inoltre è singolare l’utilizzo, nell’ultimo piano, di contenitori dalla forma squadrata utilizzati sia come recipienti per specie arboree autoctone sia come sedute, al fine di unire lo spettatore in un dialogo diretto con la natura stessa, il tutto animato dal suono del canto di uccelli proveniente da piccoli box ove si possono osservare all’interno diapositive in movimento raffiguranti la specie.

La scelta del sistema costruttivo del padiglione è stato adottato soprattutto per enfatizzare il fatto che l’Estonia è la maggior esportatrice di case in legno modulari, e per essere facilmente e rapidamente smontato al termine della manifestazione (31 ottobre 2015) per essere riutilizzato in patria con funzione differente da quella espositiva.

expo estonia

Expo padiglione Estonia

 

Expo padiglione Estonia

Expo padiglione Estonia

 

Expo padiglione Estonia

Expo padiglione Estonia

 

Expo padiglione Estonia

Expo padiglione Estonia

 

Expo padiglione Estonia

Expo padiglione Estonia

post image

Sistemi di costruzione Xlam o telaio?

Sistemi di costruzione Xlam o telaio? leggera o massiccia?

Quando un cliente si approccia ad un architetto per richiedere la progettazione e di conseguenza la realizzazione di una casa, deve in primis, avere ben chiaro il tipo di sistema costruttivo che desidera.

I sistemi costruttivi infatti possono essere classificati in due grosse categorie: i sistemi massicci e i sistemi leggeri.

Il sistema massiccio (dalla massa del materiale) è riconducibile al pannello XLAM, il quale definisce la struttura portante (spessori da 10 cm. fino a 25 cm. per pareti, solai e copertura) oppure riconducibile alla muratura (poroton, mattoni pieni, pietra, calcestruzzo, spessori minimi 30 cm).

E’ quindi la massa del materiale ad attribuire l’alta capacità d’accumulo del calore per ambo due i sistemi, pannello XLAM o muratura, sia in estate che d’inverno.

Il sistema leggero è identificabile invece, o nella struttura puntiforme a telaio in acciaio, o nel sistema portante a telaio in legno (balloon frame) con pannelli di irrigidimento e chiusura ambo i lati. Per tali sistemi, la massa, viene data da uno strato di isolante termico posizionato all’interno dell’intercapedine generato fra i pannelli di irrigidimento.

Pertanto la differenza fra i due sistemi, massiccio e leggero, è data dalla massa della parete, e quindi, al fine di adottare la scelta corretta, si dovrà considerare la zona climatica dove si intende costruire, sottolineando che il problema non è l’inverno ma l’estate dove le temperatura ogni anno si “fanno sentire” sempre di più.

sistema massiccio xlam

sistema massiccio xlam

 

sistema leggero telaio

sistema leggero telaio