Tag : case-prefabbricate

post image
post image
post image

Expo 2015 – Estonia

Uno dei padiglione che mi ha colpito maggiormente, girando per Expo 2015, è quello dell’Estonia.

Il padiglione estone sorprende i visitatori per un’ampia varietà di tematiche, rappresentando la Nazione come un paese moderno, ricco di fascino, storia e tradizione. L’edificio promuove allo stesso tempo sia le bellezze naturali del territorio sia la popolazione per la sua dinamicità e proiezione verso il futuro.

Il padiglione è facilmente comprensibile sul piano architettonico e costruttivo. La struttura è composta infatti da moduli in legno lamellare (la mia passione… non so se si è capito…) rivestiti in doghe dello stesso materiale, alternati ritmicamente da vuoti riconducibile a una scacchiera.

In questo edificio si evince l’utilizzo della modularità e della semplicità, infatti ogni modulo funge sia da struttura portante sia da nicchia espositiva dove si possono osservare le caratteristiche della nazione (natura, edilizia in legno, turismo, arti).

E’ interessante l’utilizzo di schermi a led, collocati all’interno dei vari moduli, che simulano finestre dalle quali lo spettatore può osservare paesaggi e città locali dell’Estonia: un modo alternativo per simulare la reale curiosità innata dell’uomo del osservare dalla finestra!

Inoltre è singolare l’utilizzo, nell’ultimo piano, di contenitori dalla forma squadrata utilizzati sia come recipienti per specie arboree autoctone sia come sedute, al fine di unire lo spettatore in un dialogo diretto con la natura stessa, il tutto animato dal suono del canto di uccelli proveniente da piccoli box ove si possono osservare all’interno diapositive in movimento raffiguranti la specie.

La scelta del sistema costruttivo del padiglione è stato adottato soprattutto per enfatizzare il fatto che l’Estonia è la maggior esportatrice di case in legno modulari, e per essere facilmente e rapidamente smontato al termine della manifestazione (31 ottobre 2015) per essere riutilizzato in patria con funzione differente da quella espositiva.

expo estonia

Expo padiglione Estonia

 

Expo padiglione Estonia

Expo padiglione Estonia

 

Expo padiglione Estonia

Expo padiglione Estonia

 

Expo padiglione Estonia

Expo padiglione Estonia

 

Expo padiglione Estonia

Expo padiglione Estonia

post image

Standardizzazione _ case in legno

La standardizzazione nelle case in legno viene visto come espediente per ripetere più volte lo stesso elemento architettonico, al fine di ridurre i costi di produzione e di vendita, con risultato estetico discutibile.

Lo stesso Alvar Alto credeva nella standardizzazione, criticando il vincolo del processo creativo di qualsiasi opera, a seguito della scelta del materiale utilizzato per costruire, della tradizione e della normativa.

Affermava che il design uniforme, come lo definiva lui, non è altro che il modo per risolvere con semplicità i vari problemi che un architetto deve affronta in cantiere. In uno dei suoi testi scrive: “IL MIGLIOR COMITATO DELLA STANDARDIZZAZIONE E’ LA NATURA, MA ESSA APPARE QUASI ESCLUSIVAMENTE NELLE SUE UNITA’ PIU’ PICCOLE, LE CELLULE. QUESTO DA’ COME RISULTATO MILIONI DI COMBINAZIONI FLESSIBILI IN CUI NON SI PUO’ RITROVARE ALCUN FORMALISMO. I FIORI DEL MELO SONO STANDARDIZZATI, MA OGNUNO E’ DIVERSO. E’ COSI CHE DOBBIAMO COSTRUIRE”.

Secondo me, l’architettura, per definirsi tale, non può essere scelta a catalogo, ma deve essere concepita come un vestito sartoriale, costruita su misura rispetto alle richieste del committente. Allo stesso tempo le case con struttura in legno XLAM (prodotto standardizzato) non può essere considerato come materiale edile limitante dal punto di vista ideativo; bisogna solo conoscerlo e sviluppare le sue potenzialità, traducendolo in architettura.

Siete d’accordo con il maestro Alvar Alto?

 

post image

Prezzo casa di legno ? Prezzo casa prefabbricata di legno ?

Costo casa in legno? Prezzi casa prefabbricata di legno? Prezzi casa di legno?

Questa domanda mi viene continuamente riproposta, in quanto se scriviamo la domanda in un motore di ricerca in internet (costo case in legno, costo case prefabbricate in legno…) le risposte sono delle più varie. Alcuni valori, dal mio punto di vista, considerano le costruzione che si realizzano nei paese dei balocchi, e quindi sono prezzi “specchietto”; altri invece sono veritieri o si avvicinano alla realtà.

E’ indispensabile comprendere che per realizzare una casa in legno (paritetica a una casa costruita in maniera tradizionale), una volta ottenuta l’autorizzazione dal comune dove si intende edificare (pdc, Super dia,..) va realizzato, solitamente da una imprese edile locale, un basamento in cemento armato (platea, fondazione continue…), considerando il fatto che la struttura in legno deve essere assemblata su di esso. A questo punto dopo avere assemblato l’edificio in maniera corretta e puntuale (sarà il vostro direttore dei lavori a controllare e a tutelarvi), vi sono da realizzare le opere esterne (fogna, acquedotto, luce, marciapiedi, cinta muraria, ecc…) che sono realizzate sempre dalla ditta edile che ha realizzato la parte in opera delle fondazioni.

Bisogna stare quindi attenti al prezzo della casa in legno che le aziende comunicano, poiché spesso è riferito solo alla parte fuori terra escludendo tutte le voci relative ad opere esterne e fondazioni che bisogna ovviamente aggiungere.

E’ ovvio che le stesse aziende, a seguito di un capitolato fornito da un progettista esterno, dovranno avere un’offerta che si definisce media. Se non fosse cosi, escludete i costi relativi a quelle esterne, in quanto non sono comparabili, e chiedete di specificare meglio ogni voce ciò che è presente… magari si sono sbagliati… dubito.

Il costo inferiore corrisponde abitualmente a materiali di qualità dubbia o non inseriti che a sua volta comporteranno una riduzione del ciclo di vita utile dell’immobile … che si traducono in problemi futuri.

Al fine di ottenere un preciso controllo della spesa, evitando spiacevoli sorprese o cambiamenti in corso d’opera talvolta non attuabili, è evidente l’importanza di una corretta pianificazione da parte di un tecnico esterno all’azienda costruttrice che conosca la materia e definisca le linee guida per il cliente, tutelandolo.

costo 2

post image

Case passive _ case in legno

Case passive

Molto spesso si utilizza la parola Casa Passiva senza cognizione di causa. Le Case Passive non sono edifici genericamente definiti come “edifici a basso consumo energetico”, essi di fatto sono definiti secondo criteri scientificamente analizzati e verificati numericamente. Quindi state attenti quando vi dicono: “noi realizziamo edifici passivi perché consumano poco…”

La Casa Passiva si distingue per altissimi livelli di qualità di vita, grazie ai suoi ridottissimi fabbisogni energetici. Questi livelli vengono raggiunti grazie all’altissima qualità costruttiva dei componenti utilizzati, denominati appunto “componenti passivi” (per esempio finestre a taglio termico, materiali isolanti, impianti per il recupero del calore).

Ogni Casa Passiva è un contributo attivo alla protezione dell’ambiente. L’ aspetto esteriore di una Casa Passiva è paritetico a quello di una casa definita tradizionale, è ovvio che il parametro di volume compatto aiuta a ridurre le pareti definite disperdenti.

Una Casa Passiva è un edificio ad altissime prestazioni energetiche dal confort interno ottimale, il cui fabbisogno per la climatizzazione sia invernale che estiva (riscaldamento e raffrescamento) è bassissimo (da qui il fatto di definirle passive). Il fabbisogno è espresso in unità fisicamente misurabili e deve essere inferiore a 15kWh/m2a. Quest’ultimo valore è riconducibile a un calcolo scientifico e non casuale riconducibile all’utilizzo di qualche centimetro di isolante esterno.

Riassumendo in un elenco le caratteristiche costruttive principali che si dovranno considerare nella progettazione di una casa passiva sono:

  • involucro compatto (rapporto superficie/volume) derivante dal progetto (l’esperienza del progettista è basilare per l’ottenimento di un edificio passivo);
  • studio dell’ombreggiatura naturale o con stratagemmi artificiali;
  • analisi dell’involucro dal punto di vista termico;
  • finestre a taglio termico a doppia e tripla lastra con telai ad elevato isolamento termico;
  • costruzione priva di ponti termici;
  • involucro a tenuta all’aria;
  • impianto di ventilazione interna con elevato recupero di calore.

I vantaggi per coloro che costruiscono una casa passiva o similare (classe energetica A) sono:

  • altissimo Comfort interno;
  • altissima qualità dell’aria interna per tutto l’anno ed in tutti gli ambienti;
  • ridottissimi costi per il riscaldamento;
  • bassa dipendenza energetica;
  • ridottissimo impatto ambientale;
  • alto valore economico intrinseco.

Un aspetto ovviamente importante  è la zona climatica dove si intende costruire al fine di realizzare un casa in legno “equilibrata”.

Per saperne di più http://www.phi-italia.it/

case passive

 

post image

Certificazione PEFC per la tua casa di legno

L’aspetto basilare per la scelta dell’azienda o fornitore di legname per la realizzazione di una casa prefabbricata in legno è la certificazione PEFC.

Il PEFC è la tua garanzia per quanto riguarda la materia prima legnosa, ovvero certifica che i  prodotti in legno derivano da foreste gestite in maniera sostenibile.

I seguenti principi sono parte integrante della gestione forestale PEFC:

  • conserva la foresta come habitat per animali e piante;
  • tutela la biodiversità degli ecosistemi forestali;
  • verifica l’origine delle materie prime legnose;
  • prevede il taglio delle piante rispettando il naturale ritmo di crescita della foresta;
  • prevede che le aree soggette al taglio vengano rimboschite o rigenerate e rinnovate naturalmente;
  • queste sono alcune delle funzione del  PEFC.

 

Quindi dal mio punto di vista “ciò che viene tolto alla natura deve essere ridato alla natura in maniera intelligente”, se non consideriamo questo aspetto come primario, per scegliere l’azienda fornitrice, è inutile costruire in legno.

Dal 14 al 18 settembre si terrà in Expo il 6° Congresso mondiale degli agronomi, dal titolo “La professione dell’agronomo per la responsabilità sociale nello sviluppo sostenibile e nel rispetto della diversità dei territori delle comunità locali”. Il PEFC Italia è stato incaricato dal CONAF (Consiglio dell’Ordine Nazionale dei dottori Agronomi e dottori Forestali) di coordinare il tavolo su “la produzione di cibo in foresta”, all’interno della sessione dal titolo “Alimentazione e scarti alimentari”. Si segnala che le attività principali si svolgeranno all’interno del Padiglione del World Association of Agronomists – CONAF, realizzato interamente con legno certificato PEFC da foreste venete e trentine, grazie all’opera dell’azienda Artuso Legnami (vedi notizia di approfondimento al link www.pefc.it/news-a-media/news/538-artuso-legnami-ad-expo-2015-con-legno-italiano-pefc-per-lo-stand-waa-conaf). Per saperne di più (http://www.pefc.it).

pacf

post image

Casaclima classe A _ casa in legno

Finalmente oggi è stata consegnata all’azienda SKY-NRG la targa che attesta la certificazione CASA CLIMA ” A “. Tale riconoscimento riguarda la realizzazione della loro sede aziendale costruita con sistema XLAM a Castiglione delle Stiviere.
Posso affermare che è una soddisfazione per il sottoscritto, sia come progettista che come direttore lavori, ottenere la certificazione CasaClima in quanto è sinonimo di qualità e trasparenza. La valutazione energetica dell’edificio (case in legno e non) da parte dell’Agenzia CasaClima, quale ente di certificazione pubblico ed indipendente, non coinvolto nel processo edilizio, rappresenta una garanzia per i committenti stessi.

Quindi se un cliente volesse essere più sicuro su come viene realizzata la propria casa… perché non richiedere la certificazione Casaclima. Un tecnico mandata dalla stessa agenzia seguirà puntualmente le fasi del cantiere controllando i materiali utilizzati e le modalità di posa. Una garanzia in più per tutelarsi.

Oltre a Casaclima vi è anche la certificazione Arca (specifica per il legno); ma ne parleremo più avanti.

luce alba

 

 

 

post image

Case prefabbricate di legno

Gli edifici con struttura in legno (pannelli xlam) non sono da considerare come “prefabbricazione”.

Dal mio punto di vista, ignorare il fatto che esso è un sistema costruttivo al pari della murata, cemento armato, acciaio, può essere considerato il primo errore che un progettista può commettere a discapito del suo cliente.

Il mio compito è cercare di accontentare il cliente nelle sue aspettative, trasformando un sogno in architettura, consapevole delle potenzialità e caratteristiche del sistema costruttivo, ottimizzando tutti gli aspetti che fanno parte del buon costruire, partendo dalla progettazione e concludendo con la realizzazione, stando attenti ai costi.

La conoscenza, ottenuta negli anni di professione, di tutte le fasi di produzione e montaggio di una casa in legno mi ha permesso di poter realizzare architetture di qualità a basso consumo energetico.

case xlam